Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

domenica 20 maggio 2012

Silenzio, parola e… “PassParTù”

Un breve post per ricordare che oggi, solennità dell’Ascensione del Signore (tranne che per il Rito Ambrosiano), ricorre la quarantaseiesima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali. Stralcio dal Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI una considerazione che ritengo particolarmente importante:
Educarsi alla comunicazione vuol dire imparare ad ascoltare, a contemplare, oltre che a parlare, e questo è particolarmente importante per gli agenti dell’evangelizzazione: silenzio e parola sono entrambi elementi essenziali e integranti dell’agire comunicativo della Chiesa, per un rinnovato annuncio di Cristo nel mondo contemporaneo.
Vorrei mettere in pratica anch’io questo prezioso insegnamento, grazie a questo spazio sul web.

Per una curiosa coincidenza di fatti, l’altro ieri sera piazza del Duomo, a Milano, ha ospitato l’annuale incontro degli animatori dell’Oratorio Estivo con l’Arcivescovo. Il tema proposto per quest’anno è “PassParTù – Di’ soltanto una parola” e rimanda chiaramente al Vangelo della guarigione del servo del centurione (Mt 8, 8). Durante un breve momento di preghiera all’interno della Cattedrale ambrosiana, il cardinal Angelo Scola ha rammentato ai presenti la necessità di cercare una parola vera all’interno delle troppe parole che circondano la vita. Questa parola è Gesù, il Verbo fatto carne: lo stesso Arcivescovo ha sottolineato l’importanza di questo termine, Verbo appunto, quando ci si riferisce all’incarnazione del Figlio di Dio.
C’è stato tempo anche per il silenzio: sul finale della veglia in miniatura, poco prima di ricevere la benedizione, i ragazzi e i loro accompagnatori sono esplosi in un fragoroso applauso. Il Cardinale, allora, ha invitato tutti a tacere, per sentire più vicina la presenza della Trinità che egli stava per invocare.
Ritengo che quest’evento sia stata un’applicazione in piccolo di ciò a cui il Messaggio per l’odierna giornata c’invita. Il Signore Gesù, che agli Apostoli ha promesso la sua perenne vicinanza, ci aiuti a non dimenticarlo.

Nessun commento:

Posta un commento