Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

venerdì 29 giugno 2018

Suor Edda Roda: quando la Trinità vive nel cuore dell’uomo


Chi è?

Edda Maria Caterina Roda nacque a Leno, in provincia e diocesi di Brescia, il 30 ottobre 1940. L’11 settembre 1955 sperimentò un forte momento di grazia, che in seguito definì, pur non entrando nei dettagli, come la sua “conversione”.
Nel luglio 1959 ottenne il diploma di Infermiera Generica. Durante il suo servizio presso la Clinica San Francesco di Bergamo, conobbe le suore Terziarie Cappuccine di Loano, fondate da madre Maria Francesca di Gesù, al secolo Anna Maria Rubatto (beatificata nel 1993; per questo sono note, dal 1973, come Suore Cappuccine di Madre Rubatto). Il 24 dicembre 1959 entrò come probanda, mentre il 12 giugno 1960 cominciò il noviziato, cambiando nome in suor Maria Adalberta della Santissima Trinità. In seguito, quando ne ebbe la facoltà, riprese il nome di Battesimo.
Fu impegnata in varie case della congregazione, anche se spesso aveva problemi di salute: le fu diagnosticata una «sindrome astenica», che le causava crolli psicofisici. Il suo compito principale fu però quello di seguire le missioni al popolo, a cui le Cappuccine di Madre Rubatto partecipano fin dalla loro fondazione.
Nell’agosto 1955 le fu diagnosticato un carcinoma uterino in stadio avanzato. Chiese lei stessa di essere portata, dopo le prime cure, alla Clinica San Francesco: morì in quel luogo il 16 giugno 1996.
La fase diocesana della sua causa di beatificazione, ottenuto il nulla osta da parte della Santa Sede l’11 maggio 2017, si è svolta dal 23 settembre 2017 al 16 giugno 2018, nella diocesi di Bergamo. Tre giorni prima della chiusura dell’inchiesta diocesana, quindi il 13 giugno, i suoi resti mortali sono stati riesumati e, l’indomani, traslati nella cappella della Clinica San Francesco, in via IV Novembre 7 a Bergamo.

Cosa c’entra con me?

lunedì 25 giugno 2018

Scene più o meno assurde da più di un matrimonio (Le 5 cose più #15)


No, questo non lho mai visto... (fonte)
Siamo in un periodo dell’anno in cui vengono celebrati molti matrimoni. Su queste pagine ho spesso raccontato come mi piacerebbe che si svolgesse il mio, dagli aspetti più legati al rito religioso ai corollari che non guastano e che rendono più allegra la festa.
Non ho mai riferito, però, di tutte quelle bizzarrie che, per usare un eufemismo, mi hanno portata a inarcare un sopracciglio. Aspettavo, infatti, di trovare il modo giusto, per non sembrare fissata con la ritualità scollegata dal suo senso vero, o per non essere accomunata a quelle persone che puntano il dito contro quelli che a loro sembrano abusi (e spesso lo sono), ma non s’impegnano a evitare che accadano.
Ecco quindi la mia classifica di cinque momenti che mi hanno portata ora a ridere, ora a chiedermi cosa sia passato per la testa di sposi e celebranti. Ometto i nomi delle persone coinvolte per ragioni di riservatezza, come anche cerco di evitare di dare indizi sul contesto in cui si siano svolte le nozze in questione. Le immagini scelte, ovviamente, non si riferiscono a quegli episodi precisi, ma vi alludono.

domenica 10 giugno 2018

Gli striscioni più belli per i preti novelli (Le 5 cose più #14)


Ieri nel Duomo di Milano si sono tenute le ordinazioni sacerdotali. Ventitré candidati diocesani, cinque del PIME e un Benedettino Olivetano hanno risposto “sì” alle domande dell’Arcivescovo monsignor Mario Delpini, si sono prostrati alle Litanie dei Santi, hanno ricevuto la casula come il “vestito più bello” donato al figlio prodigo della parabola, hanno scambiato l’abbraccio di pace tra di loro, con i confratelli e i familiari e, per la prima volta, sono saliti all’altare per consacrare il pane e il vino.
Mai come quest’anno, però, il clima che pervadeva le persone che li aspettavano all’esterno della Cattedrale, in quella che da più di un anno è via Carlo Maria Martini, era particolarmente intenso. Il motivo risiede nel motto di classe che i candidati diocesani hanno scelto: E cominciarono a far festa, tratto dalla già citata parabola del figlio prodigo, o del padre misericordioso, contenuta nel Vangelo di Luca.
Per questa ragione, ho pensato di presentare la mia classifica degli striscioni più originali, colorati e simpatici realizzati dalle parrocchie di origine e destinazione dei neo-sacerdoti. Dove vivo adesso ho avuto solo un’occasione di realizzare qualcosa di analogo, ma non fuori dal mio Duomo. A Dio piacendo, potrebbe toccare tra qualche anno a un ragazzo della parrocchia dove sono nata e cresciuta, ma è ancora prestissimo.
Preciso che tutte le foto sono opera mia. Dove le inquadrature non sono riuscite al meglio, è perché ero pressata dalla folla. Non metto i cognomi dei sacerdoti (ma uno mi è scappato) perché non vorrei che un giorno combinassero disastri e qualcuno finisse qui cercando notizie su di loro. 

giovedì 7 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (quarta parte: 2012-2018)


Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti o gli inni dei candidati sacerdoti dal 2012 a quest’anno, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio.

mercoledì 6 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (terza parte: 2005-2011)


Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti o gli inni dei candidati sacerdoti dal 2005 al 2011, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio. 

martedì 5 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (seconda parte: 1991-2004)

Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti (o gli inni, come sono anche detti) dei candidati sacerdoti dal 1991 al 2004, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio.
Sul canale YouTube del Seminario di Milano, gradualmente, si stanno inserendo le versioni originali di quelli più recenti: quando possibile, le metto.

lunedì 4 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (prima parte: 1976-1990)

Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti o gli inni dei candidati sacerdoti dal 1976 al 1990, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio.