Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

domenica 23 novembre 2014

Padre Ludovico da Casoria: un vulcanico cantore della carità

Un ritratto di padre Ludovico,
ripreso da una delle sue fotografie

(purtroppo non ho trovato il dagherrotipo

di cui parlo più in basso)
Chi è?

Terzo dei cinque figli di Candida Zenga e Vincenzo Palmentieri, nacque l’11 marzo 1814 a Casoria, in provincia di Napoli. Con la professione religiosa tra i Frati Francescani Alcantarini*, cambiò il nome di battesimo, Arcangelo, con quello di fra Lodovico (o, più comunemente, Ludovico). Ordinato sacerdote nel 1837, ebbe inizialmente l’incarico d’insegnante di matematica e fisica nei seminari del suo Ordine.
Tra il 1847 e il 1848, a seguito di una malattia e di un’intensa esperienza di grazia, che successivamente definì come “lavacro”, diede un nuovo corso alla propria vita. Rilanciò il Terz’Ordine di San Francesco e istituì una piccola infermeria per i confratelli presso il convento napoletano di San Pietro ad Aram, poi ingrandita e trasferita presso Capodimonte. La sua carità si estese presto ai piccoli che vagavano per le strade di Napoli, ai giovanissimi africani condotti in Occidente come schiavi, ai ciechi e ai sordomuti. Per dare continuità alle sue opere, fondò nel 1859 i Terziari Francescani della Carità, detti Frati Bigi (ora non più esistenti) e, cinque anni dopo, le Suore Francescane Elisabettine dette Bigie.
Morì a Napoli il 30 marzo 1885, a 71 anni. Beatificato da san Giovanni Paolo II il 18 aprile 1993, è stato canonizzato oggi, 23 novembre 2014, da papa Francesco. I suoi resti mortali riposano presso l’Ospizio Marino di Posillipo, a Napoli.
* Dal 1897 i Francescani Alcantarini sono uniti allOrdine dei Frati Minori.

Cosa c’entra con me?

domenica 16 novembre 2014

Tre domande a… Piccole Sorelle di Gesù a Betlemme, alla riscoperta del messaggio del Natale


Il mio Gesù Bambino
realizzato a mano, in terracotta,

dalle Piccole Sorelle.
Chi sono?

Le Piccole Sorelle di Gesù sono un istituto religioso femminile. Fondate l’8 settembre 1939 da Magdeleine Hutin, attratta dalla spiritualità vissuta da Charles de Foucauld, hanno ottenuto l’approvazione diocesana nell’Arcidiocesi di Aix il 13 giugno 1947 e quella pontificia il 25 marzo 1964. Raggruppate in fraternità, condividono vita e lavoro con le popolazioni più povere. In Italia sono presenti a Roma (dove ha sede anche la Fraternità generale), a Napoli, Milano, Ostia, Termoli e Torino.
La comunità di Betlemme è composta dalle sorelle Eliana, Terexa, Huyon e Annamma; sono tutte di nazionalità diverse.

Cosa c’entrano con me?

sabato 8 novembre 2014

Silvio Dissegna è davvero un eroe della fede

Venerdì 7 novembre 2014, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza privata Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’udienza il Santo Padre ha autorizzato la Congregazione a promulgare i decreti sulle virtù eroiche dei seguenti Serve e Servi di Dio:
[...]
- Silvio Dissegna, Fanciullo; nato a Moncalieri (Italia) il 1° luglio 1967 e morto a Poirino (Italia) il 24 settembre 1979.
 Proprio una bella notizia, non c’è che dire! Il punto è: adesso cosa faccio del post che gli avevo dedicato lo scorso anno? Lo modifico o lo lascio così com’è?
Insomma, ora siamo proprio sicuri che Silvio ha vissuto da eroe la fede che gli è stata trasmessa dai suoi genitori e da tutte le persone credenti che ha conosciuto. Per essere ancora più certi della sua intercessione, manca solo il riconoscimento di un miracolo, ma penso che i suoi Amici, ormai sparsi in mezzo mondo, non tarderanno a chiederlo (ammesso che non ci sia già, s’intende).