Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

giovedì 29 novembre 2018

Ambrogio di Milano: da sorvegliante a pastore, con Gesù al centro


Mosaico nella basilica di SantAmbrogio,
sacello di San Vittore in Ciel dOro
Chi è?

Aurelio Ambrogio nacque a Treviri in Gallia (oggi Trier in Germania) intorno al 340, ultimo dei tre figli di un funzionario imperiale. Dopo la morte del padre, ancora bambino, si trasferì con la madre e i fratelli a Roma, dove studiò i classici latini e fu educato alla fede, ma non ricevette il Battesimo.
Iniziò la carriera di magistrato a Sirmio (l’attuale Srijemska Mitrovica, in Serbia), diventando poi, nel 370, consularis, ovvero governatore, delle provincie imperiali della Liguria e dell’Emilia, stabilendosi a Milano. Durante un tumulto popolare cercò di placare gli animi: la folla, ascoltandolo parlare, lo acclamò vescovo. Venne quindi battezzato il 30 novembre 374 e, il 7 dicembre, ordinato vescovo.
Nel corso del suo ministero insegnò ai fedeli come pregare e meditare sulle Scritture, come lui stesso faceva. In particolare, promosse la verginità consacrata e curò la formazione dei catecumeni. Si oppose agli imperatori per difendere la Chiesa e le sue prerogative, restando fedele al Papa di Roma. Morì il 4 aprile 397.
La sua memoria liturgica cade il 7 dicembre, anniversario della sua ordinazione episcopale, ma nel calendario della diocesi di Milano è anche ricordato il giorno del suo transito, il 4 aprile. I suoi resti mortali sono venerati nella cripta della basilica milanese che porta il suo nome, originariamente edificata da lui stesso in onore dei martiri Gervaso e Protaso.

Cosa c’entra con me?

mercoledì 21 novembre 2018

Suor Maria Addolorata del Sacro Costato: in croce, ma contenta


Suor Maria Addolorata nell'Ospedale Maggiore  di Bergamo,
in una fotografia del 27 gennaio 1954
(fonte:  p. 10 dell'inserto fotografico del libro Sinfonia del dolore)
(mi scuso per la scarsa qualità della scansione)
Chi è?

Maria Luciani, al Battesimo Maria Pasqualina, nacque il 2 maggio 1920 a Montegranaro, in provincia di Ascoli Piceno, sesta figlia di Enrico Luciani e Camilla Dezi. Dopo aver ricevuto la Prima Comunione, si trasferì con la famiglia a Morrovalle, in provincia di Macerata, dove conobbe i religiosi della Congregazione della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo, ovvero i Passionisti. Terminò le scuole elementari, poi iniziò ad aiutare i familiari nei lavori agricoli.
Avvertì la vocazione religiosa a tredici anni, ma pensò di dover restare accanto a sua madre. Tuttavia, mandò a monte almeno due fidanzamenti, perché il desiderio di consacrarsi era sempre più forte. Così, il 4 giugno 1945, entrò nel monastero delle Suore della Passione di Gesù Cristo, ossia le Passioniste claustrali, di Ripatransone: il 22 agosto 1946 vestì l’abito religioso e cambiò nome in suor Maria Addolorata del Sacro Costato.
Poco dopo la professione dei voti temporanei, avvenuta il 15 novembre 1947, si ammalò. Ricoverata nell’ospedale di Macerata nel settembre 1950, le fu diagnosticata una pleurite; dopo qualche giorno di convalescenza in famiglia, rientrò in monastero. Dovette però uscire di nuovo il 28 giugno 1951; il 4 novembre 1950 aveva emesso la professione perpetua.
Nel dicembre 1952, da poco rientrata una seconda volta in monastero, le venne dichiarato che aveva la tubercolosi polmonare. Per questa ragione, il 9 luglio dello stesso anno, lasciò per sempre Ripatransone, per essere curata in sanatorio.
Dopo alcuni giorni nel sanatorio per religiose di Groppello, in provincia di Bergamo, venne ricoverata nell’Ospedale Maggiore del capoluogo. Per portarla più vicina a casa, ma soprattutto al monastero, fu trasferita nel sanatorio di Teramo, il 31 marzo 1954. Morì in quel luogo il 23 luglio 1954, a trentaquattro anni compiuti.
L’inchiesta diocesana della sua causa di beatificazione e canonizzazione si è svolta nella diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto (dopo aver ottenuto il trasferimento di competenza dalla diocesi di Teramo-Atri, in cui era morta) dal 23 luglio 1995 al 29 settembre 1995. Il 7 novembre 2018 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto con cui veniva dichiarata Venerabile.
I resti mortali di suor Maria Addolorata del Sacro Costato riposano dal 3 settembre 1990 nella chiesa annessa al monastero delle Passioniste a Ripatransone.

Cosa c’entra con me?

sabato 3 novembre 2018

Madre Clelia Merloni: apostola e Beata col Cuore di Gesù


Chi è?

Clelia Merloni (al Battesimo, Clelia Cleopatra Maria) nacque a Forlì il 10 marzo 1861, figlia di Gioacchino Merloni e Maria Teresa Brandinelli. Rimasta orfana di madre a tre anni, fu allevata dalla nonna materna, poi raggiunse il padre, che si era trasferito a Sanremo. Per alcuni mesi fu allieva interna dell’istituto delle Suore della Purificazione a Savona, che dovette lasciare per motivi di salute.
Educata come si conveniva a una ragazza del ceto borghese, sentì però un’avversione per quel mondo, maturando di pari passo la vocazione alla vita consacrata. Il padre, che si era avvicinato alla massoneria, fu inizialmente contrario, ma alla fine cedette.
A ventidue anni, Clelia entrò tra le Figlie di Nostra Signora della Neve, ma dovette uscirne per motivi di salute prima ancora dei voti temporanei. Dopo un’esperienza a Genova come direttrice di un orfanotrofio, entrò in contatto con le Figlie della Divina Provvidenza, fondate da don Luigi Guanella (canonizzato nel 2011).
Nel 1893 fu colpita dalla tubercolosi: mentre era giudicata in fin di vita, capì che Dio voleva da lei un’opera dedicata al Sacro Cuore di Gesù. Nel 1894, insieme a una compagna, si diresse a Viareggio, dove mossero i primi passi le suore Apostole del Sacro Cuore di Gesù.
Dopo un iniziale periodo di sviluppo dell’istituto, Clelia, ormai Madre fondatrice, finì in miseria a causa dell’amministratore dei beni del padre, di cui era diventata erede. Fu quindi aiutata da monsignor Giovanni Battista Scalabrini, vescovo di Piacenza e fondatore dei Missionari di San Carlo (Beato dal 1997), che stava per creare un’analoga istituzione femminile. Il 10 giugno 1900, il vescovo approvò le Costituzioni delle Apostole Missionarie del Sacro Cuore, come vennero a chiamarsi.
A causa di numerosi contrasti e di calunnie, mentre la fusione con la comunità fondata da monsignor Scalabrini non riuscì, madre Clelia fu inizialmente esautorata dal ruolo di superiora generale, poi scelse lei stessa di farsi da parte, domandando e ottenendo, nel 1916, la dispensa dai voti. Da allora, per lei cominciò un vero e proprio esodo, vissuto appoggiandosi solo sull’amore del Cuore di Gesù.
Ormai anziana e malata, ottenne di essere riaccolta nell’istituto da lei fondato che, intanto, aveva preso il nome di Zelatrici del Sacro Cuore (nel 1967 ha ripreso il nome originario). Si spense nella Casa generalizia, a Roma, il 21 novembre 1930.
Il processo diocesano della sua causa di beatificazione e canonizzazione si è svolto presso il Vicariato di Roma dal 18 giugno 1990 al 1° aprile 1998. È stata beatificata oggi, 3 novembre 2018, sotto il pontificato di papa Francesco. I suoi resti mortali sono venerati nella chiesa annessa alla casa generalizia delle Apostole del Sacro Cuore a Roma, in via Germano Sommeiller 38. La sua memoria liturgica cade il 20 novembre, vigilia di quello della sua nascita al Cielo.

Cosa c’entra con me?

giovedì 1 novembre 2018

Il decalogo dell’agiografo moderno


Disegno di Patxi Velasco Fano (fonte)
Nel 2014 avevo presentato, brevemente, le ragioni che mi avevano spinta a spendere la mia abilità nella scrittura per raccontare le storie dei Santi e dei Testimoni in genere, insieme a qualche indicazione di metodo. Col passare del tempo ho conosciuto persone più esperte, a cui ho chiesto consigli per migliorarmi ancora di più.
Come post per la solennità di Tutti i Santi di quest’anno, presento dunque il risultato di tutti quegli incontri, mediati con elementi che ho imparato tramite i corsi per i responsabili parrocchiali della comunicazione organizzati dalla mia Diocesi, con le lezioni di un piccolo corso di giornalismo che avevo seguito anni fa e con il Manifesto di Assisi. Sono convinta che sia utile a chiunque, per passione o per lavoro, ha a che fare con storie esemplari.