Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

lunedì 4 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (prima parte: 1976-1990)

Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti o gli inni dei candidati sacerdoti dal 1976 al 1990, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio.

1976
Andiamo ed annunciamo a tutto il mondo

Andiamo ed annunciamo a tutto il mondo,
che il Signore è venuto in mezzo a noi
e se amiamo come Lui ci ha amato,
ogni giorno con noi camminerà.

Motto: Perché sia grande il tuo nome
Testo: monsignor Vincenzo Di Mauro
Musica: idem
Spartito: l’originale credo proprio sia nell’archivio del Seminario di Milano.
Accordi: spero che questi siano attendibili, ma non avendo l’originale sottomano non saprei.
Audio: qui, registrazione amatoriale solo del ritornello, della prima strofa e di nuovo del ritornello.
Applicazione secondo me: qui non è “secondo me”, visto che abitualmente lo si sente come canto finale nelle celebrazioni della Messa, per il suo contenuto missionario. Lo stesso autore aveva dato del contenuto (secondo quanto leggo qui) questa sintesi: «La messa è finita, ma fare i cristiani no; parola d'ordine: continuare». L’antecedente biblico potrebbe essere Mt 28, 16-20.
Curiosità: lo conoscevo da tempo, ma non sapevo che fosse il primissimo canto dei candidati in assoluto. Peraltro, monsignor Di Mauro è stato ordinato sacerdote proprio il 12 giugno 1976.
È anche uno dei canti più funestati in assoluto da battiti di mani fuori tempo: prima o poi mi piacerebbe dedicare un post all’argomento.

Anno non pervenuto
E voi ancora andate

E voi ancora andate, discepoli miei,
voi che siete i tralci di questa vite mia.
E voi ancora colmate,
voi che siete il frutto mio,
le giare nuziali del Regno di Dio.

Motto: non pervenuto
Testo: monsignor Gianfranco Poma (qui)
Musica: Paolo Rimoldi
Applicazione secondo me: il solo ritornello è buono come canto allo spezzare del Pane in celebrazioni dal carattere missionario. Contiene echi del brano delle nozze di Cana (le giare nuziali del Regno di Dio) e del passo in cui Gesù si paragona alla vite, mentre i discepoli sono i tralci.

Anno non pervenuto
Lo sguardo di Dio

Lo sguardo di Dio un mattino di grazia
ci trasse dall’ombra del cuore deserto.
Non più per voi stessi, per me voi vivrete:
un lievito nuovo sarete nel mondo.

Testo: monsignor Gianfranco Poma (qui)
Esiste anche una variante testuale adatta adatte a matrimoni o a celebrazioni sulla famiglia: le riportavo qui
Musica: monsignor Giancarlo Boretti – Gianluigi Rusconi
Arrangiamento: Alberto Odone
Spartito: nel repertorio Cantemus Domino è il canto numero 569.
Audio: incluso nella cassetta La voce e la presenza, l’ho convertito in formato MP3. Se vi occorre, scrivetemi ai contatti che troverete a lato (ma tenete conto che è la versione col primo testo).
Applicazione secondo me: per la versione originale, canto alla Comunione o all’ingresso di celebrazioni con anniversari di professione religiosa o di ordinazione sacerdotale. Per la versione “matrimoniale” medesima collocazione, anche se la circostanza ovviamente cambia.
1986
Per la vita del mondo
(noto anche come Il Padre aveva una vigna o Qui non restate ormai)

Qui non restate ormai,
è tempo per voi di andare:
la buona notizia portate con voi
per la vita del mondo.

Motto: Per la vita del mondo (Gv 6, 51)
Testo: monsignor Gianfranco Poma (qui)
Musica: Giampiero Colombo
Arrangiamento: Paolo Rimoldi
Spartito: nel repertorio Cantemus Domino è il canto numero 424.
Audio: incluso nella cassetta La voce e la presenza, l’ho convertito in formato MP3. Se vi occorre, scrivetemi.
Applicazione secondo me: per i fedeli ambrosiani, lo raccomando alla domenica “del mandato missionario” (I dopo la Dedicazione), sia alla Comunione sia, per il solo ritornello, allo spezzare del Pane. Per tutti gli altri, oltre che per gli ambrosiani, può andare per la Giornata Missionaria Mondiale.

1987
In quel tempo di grazia


(esecuzione dal vivo)


Io voglio insieme a te Gesù
narrare quanto tu sei
per ognuno ancor di noi
l’immagine della carità
e poi,
come te che servi Dio,
vorrei sempre - con te -
dare lieto tutto
ciò che mi darai.

Motto: Io sto in mezzo a voi come colui che serve (Lc 22, 27)
Testo e musica: monsignor Pierangelo Sequeri (testo qui)
Spartito: si può chiedere al coro della parrocchia di Sant’Adele a Buccinasco, esecutore della versione riportata nel video, o a quello della parrocchia di Sant’Angelo a Rozzano (il parroco attuale prima era a Buccinasco)
Audio: nel filmato sopra è presente una versione dal vivo. L’originale è nel CD Bello è il verbo.
Applicazione secondo me: quando c’è il Vangelo di Gesù tra i bambini o di Gesù che rende grazie al Padre perché ai piccoli è svelato il Regno, o ancora (per la terza strofa) nella Messa “nella cena del Signore”, per il riferimento alla lavanda dei piedi. Il tema del servizio lo rende adatto anche a celebrazioni vocazionali.

1988
La gioia che tu doni

Nel cuore che chiami all’incontro
fiorisce il sorriso;
conosce le tue meraviglie;
dinanzi al tuo volto
s’accende di gioia.
E poi l’accompagni nel viaggio
che sparge l’annuncio:
Tu sei la sincera promessa del Padre,
l’invito felice alla gioia di Dio.

Motto: Collaboratori della vostra gioia (2Cor 1, 24)
Testo: don Vincenzo (qui). Ipotizzo che sia, come per Andiamo ed annunciamo, monsignor Vincenzo Di Mauro.
Musica: don Vincenzo
Spartito: recuperato dall’archivio del Seminario di Milano in formato PDF.
Audio: il direttore della Corale San Gerardo di Monza, dopo avermi contattata per ricevere lo spartito, in modo da eseguirlo per l'ingresso del nuovo parroco (della Classe 1988), mi ha procurato un file MIDI. Anche qui, se lo volete non avete che da scrivermi a vostro turno.
Applicazione secondo me: celebrazioni penitenziali, dato che riecheggia le parabole della pecorella smarrita e del buon Samaritano.
Curiosità: credo proprio che fosse uno dei canti preferiti del seminarista Alessandro Galimberti («E ti pareva che non lo nominassi, dato che parli di argomenti relativi al Seminario di Milano», diranno i miei cinque lettori): lo menziona in una lettera contenuta nella prima raccolta di parte dei suoi scritti, allegata al DVD del film Voglio essere profumo, ispirato alla sua storia.

1990
Come Te


Per amore dell’uomo,
d’ogni uomo come me
mi son fatto silenzio
per diventare come Te.
Per amore tuo mi farò
servo d’ogni uomo che vive
servo d’ogni uomo per amore.

Motto: Servi per amore di Cristo
Testo: C. Casucci / V. Ciprì (qui)
Audio: ho provato a registrare col telefonino dalla televisione un’esecuzione dal Duomo, durante la Messa d’anniversario dei Preti 1990, il 28 maggio 2015. Il povero cantore ha qualche problema con le note alte, ma per il resto è un buon risultato.
Musica: G. Balduzzi / B. Enderle
Spartito: l’ho recuperato dall’archivio del Seminario di Milano: un amico seminarista me l’ha mandato in formato PDF. È scritto a mano, ma si può decifrare.
Accordi: a pag. 28 di questo canzoniere in DO (trasportabile in RE). Qui, pag. 47, è trasportato in MI. Effettivamente, l’originale è in FA.
Applicazione secondo me: canto di Comunione per il Tempo di Natale; canto per momento di preghiera vocazionale nel Tempo di Natale o di Avvento. Almeno nella seconda strofa (Hai dato anche la vita, hai pagato per noi), però, non è così “natalizio”.
Curiosità: ebbene sì, gli autori di questo brano sono del Movimento dei Focolari (Ciprì, per esempio, ha composto Resta qui con noi), immagino perché un prete di quella classe ha la loro stessa appartenenza. Per questo motivo, il canto è diventato discretamente famoso, anche fuori diocesi, ma non tutti sanno che era stato commissionato dai futuri preti di Milano.


Gli altri canti dei candidati
1991-2004
2005-2011

Nessun commento:

Posta un commento