Avviso

In obbedienza ai decreti di Urbano VIII, quando su questo sito vengono trattati semplici Testimoni e vengono usate espressioni come “santo”, “degno degli altari” e simili, l’Autrice non intende in nulla anticipare il giudizio ufficiale delle competenti autorità ecclesiastiche.
S’impegna, inoltre, a rimuovere l’articolo nel caso il personaggio trattato si dimostrasse indegno della qualifica attribuitagli.

giovedì 7 giugno 2018

I canti o inni dei preti ambrosiani (quarta parte: 2012-2018)


Nel 2015 avevo pubblicato un post dove cercavo di raccogliere quanto più materiale sui canti che ogni anno accompagnano le ordinazioni sacerdotali nella diocesi di Milano. L’elenco è risultato uno dei post più letti di tutto Testimoniando, ma anche uno dei più lunghi.
Di conseguenza, ho deciso di scorporarlo, presentando qui i canti o gli inni dei candidati sacerdoti dal 2012 a quest’anno, di cui sono in possesso o dei quali so come rintracciare testi, accordi, spartiti e magari anche qualche registrazione audio.
Se il brano è incluso in una raccolta ancora disponibile su CD, segnalo il nome del disco dove rintracciarlo. Mi permetto anche di dare delle personalissime indicazioni su come applicarli durante la Messa o durante incontri di preghiera sul tema della vocazione, non necessariamente al sacerdozio.

2012
Risplenda la vostra luce

Risplenda la vostra luce davanti agli uomini,
vedano sempre le vostre opere buone.
Risplenda la vostra luce davanti agli uomini,
rendano lode al Padre vostro nei cieli.

Motto: Risplenda la vostra luce davanti agli uomini (Mt 5, 16)

Testo: Candidati 2012 e don Claudio Burgio

Musica: don Claudio Burgio

Spartito: qui

Audio: parti per sezione (soprani, contralti, tenori, bassi) e versione integrale (amatoriale, non registrazione originale).

Applicazione secondo me: canto all’Ingresso, alla Comunione o anche canto di congedo. Oltre che quando viene proclamato il Vangelo corrispondente, può andare bene in qualche celebrazione a tema missionario o testimoniale.
Curiosità: esistono altri testi su melodia simile: come Inno del Duomo, eseguito in prima assoluta per l’ingresso in Diocesi del cardinal Angelo Scola in qualità di nuovo arcivescovo; con un adattamento del testo di Cristo è risorto di monsignor Luciano Migliavacca; con altre strofe adoperabili in varie occasioni liturgiche e, infine, con parole adattate all’Annunciazione, per la visita a Milano di papa Francesco (col titolo di Aprite le porte a Cristo).

2013
Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli


Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli,

ti loderò nell’assemblea dei santi;

non morirò custodirò la vita

per annunciare le tue opere, Signore!

Motto: Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli (Sal 22, 23)
Testo: Leo Di Simone
Musica: monsignor Giuseppe Liberto
Spartito: una volta era sul sito creato per l’occasione dai Preti 2013, ma poi quelle pagine sono scomparse. Per fortuna l’avevo salvato: se vi occorre, contattatemi pure.
Applicazione secondo me: canto di Comunione nel tempo pasquale, per la menzione della Pasqua in una delle strofe.

2014
Come io ho amato voi

Come io ho amato voi,
così amatevi anche voi;
da questo sapranno che siete miei discepoli,
se avrete amore gli uni per gli altri. 

Motto: Come io ho amato voi (Gv 13, 34)
Testo: Candidati 2014
Musica: don Claudio Burgio
Spartito e audio: restano valide le indicazioni che fornivo al termine dell’intervista a un mio vecchio compagno d’università, diventato prete proprio nel 2014.
Applicazione secondo me: come Li amò sino alla fine, del medesimo autore (vedi qui), è perfetto per il Giovedì Santo, alla Comunione o durante la Lavanda dei piedi. Lo trovo idoneo anche per gli anniversari di ordinazione non solo di questa classe, in quanto mette a tema il senso dell’essere “presi a servizio”, come diceva sempre il cardinal Scola.

2015
Tutto possiamo sperare

Tutto possiamo sperare dalla tua misericordia;
la Pasqua del Figlio, evento d’amore,
rivela il tuo volto compiendo ogni attesa,
è mano che tendi da sempre per noi.

Motto: Tutto possiamo sperare dalla tua misericordia (Preghiera Eucaristica V)
Testo: Candidati 2015 e don Bortolo Uberti
Musica: Filippo Bentivoglio
Spartito: qui
Accordi: qui
Audio: nel CD Leggero sorriso di grazia del Gruppo Shekinah (qui una guida all’ascolto)
Applicazione secondo me: adatto alla domenica detta della Divina Misericordia (II di Pasqua), o a quella, del solo Rito Ambrosiano, della “divina clemenza” (la penultima prima della Quaresima), o ancora alla SS. Trinità.
Curiosità: i preti di questa classe hanno scelto il paroliere ufficiale (che tra l’altro festeggiava proprio nel 2015 il venticinquesimo di sacerdozio) e il direttore del Gruppo Shekinah. In quanto membro di quel coro, ne sono stata felicissima. 

2016
Con la gioia dello Spirito Santo 

Con la gioia dello Spirito Santo
annunciamo al mondo la Pasqua di Gesù:
misericordia infinita, abbraccio che salva,
speranza di nuova umanità.

Motto: Con la gioia dello Spirito Santo (1Ts 1, 6)
Testo: Candidati 2016 e don Norberto Valli
Musica: Candidati 2016 e don Claudio Burgio
Spartito e audio: restano valide le indicazioni che fornivo al termine della recensione al piccolo saggio scritto da uno dei preti di quell’anno.
Applicazione secondo me: Pentecoste di sicuro, ma, essendo il testo una parafrasi del brano scelto come motto, può essere adoperato quando quella lettura rientra nella Messa.

2017
Con amore che non conosce confini

È gioia annunciare il Tuo Regno,
infinito ed eterno, Signore;
come Servo venuto a salvarci
con amore che non conosce confini.
Motto: Con amore che non conosce confini (Preghiera Eucaristica IV)
Testo: Candidati 2017 e don Norberto Valli
Musica: Giacomo Mezzalira
Spartito e audio: restano valide le indicazioni che fornivo al termine del post in cui immaginavo cosa farei se fossi un sacerdote.
Applicazione secondo me: gli echi scritturistici rimandano ai brani dell’Annunciazione, del Battesimo di Gesù, a quello in cui il Signore chiama “amici” i discepoli, alla moltiplicazione dei pani e dei pesci, alla morte e alla risurrezione. Insomma, ha davvero parecchie possibili applicazioni.
 
2018
E cominciarono a far festa

L’abbraccio del Padre, speranza inattesa,
raduna ogni uomo alla mensa del perdono.
Il figlio perduto è tornato alla vita
e cominciarono a far festa. 

Motto: E cominciarono a far festa (Lc 15, 24)
Testo: Candidati 2018 e monsignor Gianfranco Poma (qui)
Musica: monsignor Pietro Ruaro
Arrangiamento: Francesco Meneghello
Spartito: sul sito del Seminario di Milano: qui con l’orchestrazione, qui melodia e accordi, qui per organo e coro.
Audio: nel filmato sopra la versione definitiva, qui quella provvisoria. Qui invece sono presenti le parti per sezione.
Applicazione secondo me: Domenica “del perdono” nel Rito ambrosiano, quando viene proclamata  la parabola del Padre misericordioso (anno A). Oppure in celebrazioni penitenziali, o ancora nella domenica che precede l’inizio del tempo di Avvento.
Curiosità: anche stavolta il Gruppo Shekinah è stato coinvolto, con mia gran gioia. I diaconi che ci osservavano durante le registrazioni alla fine sono stati più che soddisfatti; o almeno, così mi è sembrato.


Gli altri canti dei candidati



1991-2004
2005-2011

Nessun commento:

Posta un commento